CONCA DI CREZZO: Un’azienda agricola ai tempi del coronavirus

CONCA DI CREZZO: Un’azienda agricola ai tempi del coronavirus

Uno dei luoghi più belli e suggestivi del Triangolo Lariano, è sicuramente la Conca di Crezzo, la frazione di Barni, incantevole borgo in Vallassina.

Abbiamo chiesto a Michela, che ha scelto di restare in questo meraviglioso luogo con la sua famiglia, come si vive in questo periodo di quarantena, in un contesto così diverso dai nostri appartamenti, dove purtroppo, ci dobbiamo accontentare  di cantare sui balconi.

“Noi dell’azienda agricola CaManin, ai tempi del coronavirus, viviamo in isolamento come tutti…”

Il nostro lavoro per alcuni versi non è cambiato molto, accudiamo tutti i giorni (come sempre) i nostri animali, capre, asini e galline che richiedono quotidianamente le nostro attenzioni!

Produciamo il formaggio fresco e stagionato e yogurt, che adesso vado direttamente a vendere a casa dei clienti, facendo lunghi giri…il nostro agriturismo è chiuso, non vediamo più il via vai di persone…e questo ci rende un pò tristi…

Con la mia famiglia abitiamo in un posto bellissimo, siamo di fronte alle Grigne, affacciati sul ramo del Lario che và verso Lecco, il silenzio è impressionante! La primavera è arrivata anche qui, il bosco è diventato verde e si sentono i profumi dei fiori, al laghetto il gracidare dei rospi rompe il silenzio e la poiana fà continui giri, li sopra alla ricerca del suo pranzo!!

La giornata è scandita dai lavori in stalla, quelli nell’orto e i compiti dei nostri figli, questa occupazione si è aggiunta alle nostre abituali!

Michela

CATEGORIES