ERBA: Da un’idea di Checco Aquaro, il tavolo Anti-Covid 19

ERBA: Da un’idea di Checco Aquaro, il tavolo Anti-Covid 19

È nella crisi che nasce l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie.

La pandemia potrà forse cambiare le nostre abitudini ma non riuscirà certo a cambiare la mentalità di chi ama il proprio lavoro.

Un buon ristoratore, secondo Alessandro Aquaro, giovane proprietario della trattoria Al Glicine, non si deve accontentare di offrire ai propri clienti piatti gustosi, ma deve anche garantir loro serenità e sicurezza, insomma, il tempo trascorso al ristorante con gli amici deve comunque conservare la sua funzione conviviale.

Ed è qui che il papà Checco mette mano al PC e, rispolverando qualche formula di geometria, qualche reminiscenza dell’esame di arredamento al Politecnico e diversi anni da gestore, trova la soluzione.

E’ quindi il momento di realizzare il prototipo, quattro chiacchiere con l’abile artigiano del legno di Erba, Fabio Castelletti, ed in men che non si dica fa il suo ingresso nella sala panoramica della trattoria erbese il primo esemplare di OTTO, il tavolo per quattro.
Il nome è legato alla forma ottagonale del tavolo, con quattro posti a sedere che si alternano con le quattro gambe piene che garantiscono il distanziamento di almeno un metro tra i commensali anche in caso di più tavoli uniti.

Per la ripresa dell’attività numerose variazioni anche al menù che proporrà piatti con preparazioni semplici che riducono al minimo il contatto degli alimenti con attrezzature ed operatori.
Altra novità che troverete Al Glicine sarà il menù stampato sulle igieniche tovagliette monouso che farà sparire dal conto i costi relativi al coperto.

Per i più tecnologici possibilità di prenotazione e consultazione del menù (e la conservazione dell’elenco prenotazioni, prevista dal decreto rilancio), grazie all’ App creata dall’amico Andrea Fiore e naturalmente pagamenti elettronici al tavolo.

CATEGORIES
Se hai bisogno informazioni o vuoi proporre una storia da pubblicare puoi farlo da qui.