I RACCONTI DEL FILOCCA: “Ul scusar de la nona”- Il grembiule della nonna

I RACCONTI DEL FILOCCA: “Ul scusar de la nona”- Il grembiule della nonna

Ul scusar de la nona” è l’ultimo capitolo dedicato al tema della Brianza.
Il prossimo tema sarà l’amore.
Anziché domenica pubblicheremo venerdì 14 Febbraio il primo capitolo: “La notte dei santi Valente e Valentino”.

 

13- UL SCUSAR DE LA NONA – IL GREMBIULE DELLA NONNA

Il grembiule della nonna serviva per proteggere i vestiti, ma anche per prendere in mano la padella quando scottava.

Dal pollaio la nonna nel grembiule portava in casa le uova e talvolta anche i pulcini per farceli vedere.

Il grembiule serviva come soffietto al fuoco quando stava per spegnersi e anche per portare in casa le patate ed i cavoli dall’orto.

Se arrivava un visitatore la nonna era svelta a toglierselo per non far brutta figura.

FÖra sul portic l’agitava per ciamà i omen che lavuraven in di camp perchè l’era prunt de mangià.

Fuori, sul portico, l’agitava per chiamare gli uomini che lavoravano nei campi, perché era pronto da mangiare

Le serviva anche per mettere a raffreddare sul davanzale la torta di mele appena tolta dal forno.

Con il grembiule asciugava le lacrime ai bambini che si erano fatti male giocando e puliva le loro faccette sporche.

Ricordo il tuo grembiule nonna, il tuo scusar. Ricordo te, mia tenera nonna.

 

Commenti e aggiunte:

Sergio “E suta ul scusàa de la nona sèmm vegnü grand tücc”.

Sotto il grembiule della nonna siamo cresciuti tutti.

Angelo: l’é propri inscé

E’ proprio così

Guido: Al serviva anca per nà in de l’urtel a catà’ sü la verdüra per fa ul minestrun. 

Serviva anche per andare nel piccolo orto a cogliere la verdura per fare il minestrone.

Gabriella suggerisce: el serviva anca per sugà’ i lacrim quand la ghe pensava ai bagai in guera.

La nonna lo usava anche per asciugarsi le lacrime quando pensava ai ragazzi andati in guerra.

Quant finiva la stagiun ul scusar de la nona al ghe serviva per catà sü i per ch’ eren crudà giu da la pianta.

Quando finiva la stagione il grembiule della nonna serviva per raccogliere le pere che erano cadute dalla pianta

Cul scusar la prutegeva i bagaiett timid quant ‘rivava un quaivün che cunuseven no e se scundeven: la nona al ghe surideva per fai scüsà.

Col grembiule proteggeva i bambini timidi quando arrivava qualcuno che non conoscevano e si nascondevano: lei gli sorrideva perché li scusasse.

Come suggerisce Antonia: Quant al faseva fret la nona la ghe avulgeva i man.

Quando faceva freddo la nonna vi avvolgeva le mani

I.C. ricorda: Anca la mia nona la portava ul scusà e l’ha ma sugà tanti volt i lacrim perché, quand me fasevi ma, curevi de lé a fas cunsulà. Ciao nonna, proteggimi ancora.

Anche mia nonna portava il grembiule e mi ha asciugato tante volte le lacrime, perché, quando mi facevo male, correvo da lei per farmi consolare.

M.F. Che bel recurdà, né Ida?!

Quanti ricordi belli, vero Ida?

I.C. Vera…e pensà al ben di noni mi se cummuovi semper”

Vero, quando penso al bene che mi volevano i miei nonni ancora mi commuovo.

A.G. Bellissimo ricordo

. A.T. Bravo Mario pensieri cuciti bene e ricordi indelebili.

Gianni: QUAND LA BRIANSA L’ EVA LA “NOSTRA” TERA…

Quando la Brianza era la “nostra” terra…

Chiara: In vuna di futugrafii de la mia nona, la ga là ul scusà! “

In una foto che conservo mia nonna indossa il grembiule.

La Dany: Che bei ricordi; ciao nonne Maria e Richèta ( Enrica)❤🙏

Maria Elena Ul scusà de la mia nona: a l’è propi vera che al serviva per tuscos !

Il grembiule della mia nonna: è proprio vero, serviva per tutto.

 

Ghe vureran tanti ann…

Ci vorranno tanti anni per inventare qualcosa che possa rimpiazzare questo vecchio grembiule e forse non lo rimpiazzeremo mai.

CATEGORIES
TAGS
Se hai bisogno informazioni o vuoi proporre una storia da pubblicare puoi farlo da qui.
Powered by