LETTERA APERTA  DI JOHN TOSO (Italian Way Music)

LETTERA APERTA DI JOHN TOSO (Italian Way Music)

Ieri un mio artista e producer ( per privacy non voglio fare il nome ) mi scrive queste testuali parole: “grazie per avermi girato le voci della tua canzone per fare il mio remix, solo che purtroppo in questo momento ho un amico/conoscente (che però non vedo da giugno scorso) in rianimazione per il coronavirus e non mi sento molto ispirato…”.

E io gli ho risposto, certo ti capisco, mai avrei potuto pensare che in qualche modo questo problema ci avesse toccato così da vicino tutti. Poi , solo dopo pochi istanti ho pensato: quindi QUESTO CORONAVIRUS non è come dicono molti, un virus che attacca o rischia di far patire solo pochi anziani. La verità è sotto gli occhi di tutti, ora come non mai: tutta la nostra comunità, tutta l’Italia ( e moltissimi e sempre più Paesi in tutto il mondo che ci stanno arginando come anche l’Austria ) ne sta soffrendo e tutti i rami, gli ambienti, i settori: economici, lavorativi, relazionali e affettivi stanno accusando questo duro colpo e non possiamo stare insensibili a tutto ciò!

Penso anche che noi artisti abbiamo il dovere di denunciare questa disgrazia e tutti i fatti della vita (negativi o positivi che siano) che accadono..e non scrivere nelle canzoni solo dell’amore, come fanno l’80% delle canzoni che esistono su questo pianeta….quando nel 2000 ci fu il Bug dei sistemi informatici feci uscire un brano techno “The Bug” per denunciare l’infiltrazione nel cyberspazio di questo virus.

Nel 2001 ci fu la strage delle Torri Gemelle feci il ” Raise Your Hand Project” con il grande amico Dr. FeelX per denunciare il virus del terrorismo e ora mi sento in dovere di divulgare il Coronavirus…sono stato uno dei primi a cantarlo.

Non come parodia, senza mai voler essere irriverente o offensivo, ma solo per denunciare la sporcizia di questo mondo malato e la superficialità che c’è stata fin da subito da parte della stramaggioranza delle persone in Italia nell’affrontare questo problema.

Scusate lo sfogo ma penso sia importante questa mia precisazione. Anche ora, chi vuole è libero tranquillamente di continuare a pensare che questa storia del coronavirus sia una cazzata.

Tanta gente pensa che le cose fondamentali come l’igiene, l’ordine, la salute (sia fisica che mentale) siano delle cose poco importanti o non fondamentali. Io non la penso per niente così e dunque ho voluto condividervelo.

Ma chi è John Toso?

Eccentrico e classico. Spesso eclettico per poter dare voce alle innumerevoli sfaccettature della sua creatività. Ama la musica melodica e sa emozionare quando la interpreta al pianoforte.
Dopo studi al conservatorio e alla civica scuola di musica jazz, ha deciso di aprirsi alla musica a 360° abbracciando tutti i generi musicali moderni. Per oltre un decennio, ha creato e sviluppato rapporti con numerosissime società di edizioni, realizzando decine di cataloghi musicali di new age, lounge, dance e chill out distribuite in Italia e in tutto il mondo.

Ad oggi, conta nel suo repertorio come autore e compositore,circa 10000 brani di tutti i generi musicali, ascoltabili e scaricabili da centinaia di siti musicali e motori di ricerca sotto forma di suonerie o production music.

Consulente artistico e produttore discografico,realizzando nei suoi studi di registrazione sonorizzazioni per sincronizzazioni audio\video, colonne sonore per sfilate di moda, inni, sigle per Festivals e Concorsi Nazionali, jingles per spot pubblicitari e lancio di locali.Attualmente in classifiche mondiali con progetti Ambient e New Age (Russia, Corea, America) e in classifiche europee con progetti Pop-dance ( Austria, Polonia, Romania) ed Elettro-pop (Germania, Svezia, Norvegia) . Collabora con case discografiche quali Emi, Idyllium, Azzurra Music, Kang Music, Melodica, Do it yourself, New Sounds, Ariel, Ecosound, Buena Suerte, Red Land, Hic Sunt Leones, Hitland, Feel Reel Records, Di Piu’, Self, Discomagic, Noblesse Oblige, Dig It , It Way, DV More Records, Alta Marea, Last Scream Records; case editrici per pubblicazioni multimediali quali Edi Ermes, Xenia, Cosmopolis, Ludi Sounds, Chinesport, e pubblicazioni editoriali con allegato il cd con New Age, Nuova Era, Il Giornale, la Gazzetta del Mezzogiorno.

Tra le edizioni musicali con pubblicazioni internazionali si contano A different drum, Multiforce, Sony Music, Berben, Universal, Warner, Benvenuto, Audisam, Zyx, Dancework, e pubblicazioni nazionali con Aland, Pharma Sound, Eurozeta,Crotalo, Bianco e Nero, TecnoDisplay, EraZero, Rima, Ninap, Ediemme, La Bambolina ,Testa Rossa, Latindisk, MusicaDoc, Gentile, Nuova Carish. Compositore SIAE dal 1989, ha vinto diversi concorsi musicali tra i quali il prestigioso XG SOUNDWORK 1998 con il brano “Beautiful Lady” per il “riuscito connubio tra musica elettronica e voci reali”; il Concorso Maxi Studio ISIS contest del 2000 con il brano “Mandela” per “ l’arte di miscelare la dance con la new age e la world music”. Conoscendo con precisione l’elaborazione dell’audio digitale ed ogni tipo di applicazione midi ha tenuto diversi corsi di perfezionamento in informatica musicale e nell’utilizzo di strumenti elettronici (tastiere, expanders, campionatori, outboards). E’ inoltre già presente e riconosciuto, nell’ Enciclopedia Mondiale della Musica Elettronica., per aver creato un nuovo sound new age con il progetto Aglaia. Per un autore-compositore di razza,una storia professionale impostata in questi termini non poteva che evolversi verso la figura di Artists & Repertoire Director, oggi in esclusiva per la Italian Way Music.

CATEGORIES
Se hai bisogno informazioni o vuoi proporre una storia da pubblicare puoi farlo da qui.
Powered by