LETTERE DA ZANZIBAR: … e intanto il tempo se ne va!

LETTERE DA ZANZIBAR: … e intanto il tempo se ne va!

E chi ci ridarà in dietro il tempo perso ?

Chi ci ridarà in dietro i giorni dell’amore perduto e non consumato ?

Ma soprattutto chi ci rifarà vivere allo stesso modo alla quale eravamo abituati ?

O voi stolti devoti al dio dell’Apericena, voi Lecchini senza midollo che vivete adorando il dio denaro e soprattutto voi Voltagabbana che vendete la vostra morale da bar sport in cambio di un bianchino spruzzato. Voi tutti sarete i primi a patire di tutta questa situazione quando passerà.

La vita prende e sempre restituisce il conto con gli interessi, c’è chi lo chiama karma e chi lo chiama destino, ma semplicemente è così che va la vita! Lasciatevi i dubbi alle spalle e per le domande senza risposte, non state a lambicarvi il cervello, non ne uscirete se non con altri dubbi.

Ma ritorniamo al tempo perduto, chi mi ridà i miei giorni ? sono obbligato a stare fermo, immobile, in attesa di qualche cosa che forse, non avverrà, perchè il dubbio è lecito e qualche domanda me la faccio su questa situazione.

Non possiamo passare mesi e anni in attesa che la cosa si risolva, ma nemmeno fare la vita di sempre, il rischio fino a quando non sarà UFFICIALMENTE decretato ESTINTO, saremo sempre tutti a rischio.

…e intanto il tempo va ! E per chi non è più un giovincello le settimane e i mesi di ” prigionia” pesano, pesa quello che dovresti fare di normale e che non puoi fare, pesano i progetti messi in sospeso e soprattutto pesa il fatto che quella ragazza che aspettavo da una vita forse è da qualche parte che mi aspetta e perderò l’occasione di incontrarla magari casualmente bevendo un caffè, o addirittura avendola conosciuta poco prima della pandemia, ora non posso vederla se non solo via chat, desidero baciarla sentire il suo odore e lei il mio ma questo ci sarà precluso ancora non sappiamo per quanto.

I giorni di quarantena ora sono diventati CINQUANTENA, e poi magari diventeranno SETTANTENA, per poi perdersi nelle CENTENE e poi negli anni.

Meditate ora che potete bestie immonde, fate ammenda delle vostre debolezze inutili che vi hanno portato ad avere una vita piatta e gestita da altri.

La vita scorre veloce e noi in questo momento siamo fermi al palo, prepariamoci a una evoluzione in divenire, continua e costante. Abbiamo bisogno di menti brillanti che desiderano il meglio per l’uomo e non il meglio per la finanza di pochi eletti.

Fattevi delle domande e datevi delle risposte, un detto giapponese dice : “sei dove sei, perchè sei quello che sei”.

Palesemente tradotto: Se sei nella merda, vuole dire che sei uno stronzo !

Enzo Santambrogio
Fermo nel tempo sospeso dell’Africa
10/04/2020 ” credo ? “

CATEGORIES