SE CI PASSI DAVANTI: Oratorio dei Magi a Carpesino (Erba)

SE CI PASSI DAVANTI: Oratorio dei Magi a Carpesino (Erba)

Erba, località Carpesino

La dedicazione, non molto frequente, è legata alla leggenda delle reliquie dei Re Magi, trasportate dall’Oriente fino a Colonia da Federico Barbarossa: nei luoghi in cui il Barbarossa sostava con le reliquie venivano edificate chiese intitolate ai Magi.

Origine
Un documento della parrocchia di Arcellasco data l’edificio al 1519. Però, ricordando le parole di Fernanda Isacchi, l’architettura farebbe supporre una datazione anteriore; lo stile è di passaggio tra il tardo gotico e il primo rinascimento: gli archi ogivali e la volta a crociera costolonata ne sarebbero una testimonianza. Non molti anni fa, inoltre, il Longoni ritrovò un atto del 1512 che documenta l’avvio della procedura di separazione dei parrocchiani di Carpesino dalla parrocchia di San Pietro in Brugora. Un altro documento del 1509 attesta che i membri della comunità di Carpesino si erano riuniti per discutere l’edificazione di un oratorio per loro comodità, in quanto costretti a partecipare alle funzioni religiose di Pontelambro o Brugora.

Descrizione esterna
La chiesa, annessa all’adiacente Villa Nava, presenta un esterno molto semplice, con facciata a capanna nel quale si aprono il portale d’ingresso e, superiormente, una finestra circolare.

Descrizione interna
Presenta una pianta ad un’unica navata, divisa in due campate da un arco ogivale, con il presbiterio quadrato; sulla parete di fondo si apre una porta che dà accesso alla sacrestia. La decorazione originaria è andata quasi completamente persa.

Entrando, sulla controfacciata è possibile notare la tribuna in legno, ricostruita in seguito ai lavori di restauro degli anni Novanta, dalla quale, tramite una porta, si accedeva all’adiacente Villa Nava.

Il piedritto destro dell’arco di trionfo ospita un affresco, databile al XVIII secolo, raffigurante San Rocco.

La parete di fondo del presbiterio, in origine, doveva essere ricoperta interamente da affreschi, rimasti nascosti dalla calce e da un altare marmoreo settecentesco fino al 1999, anno in cui furono avviati interventi di restauro. In realtà, non è rimasto molto dei dipinti: sono visibili solo alcuni lacerti intorno all’altare; si intravedono, nella zona superiore, una Crocifissione,tra la Vergine e san Giovanni, e, a destra, i resti di un San Rocco.

L’affresco rinascimentale con l’Adorazione dei Magi, che fungeva da pala d’altare, è stato sottratto illegalmente negli anni Settanta. La sinopia, rimasta visibile, è stata asportata e collocata sulla parete sinistra dell’edificio, vicino ad una riproduzione moderna del dipinto.

Una curiosità: il 26 agosto 1806, nell’oratorio dei Magi il poeta Carlo Porta si sposò con Vincenza Prevosti.

Fonte:: www.cmtl.it

CATEGORIES
Se hai bisogno informazioni o vuoi proporre una storia da pubblicare puoi farlo da qui.